2012 - Linfoma follicolare non-trattato in precedenza: Arzerra in combinazione con la chemioterapia CHOP


Ofatumumab ( Arzerra ) è un anticorpo monoclonale interamente umano che si lega alla proteina CD20.
Ofatumumab è attualmente approvato per i pazienti con leucemia linfatica cronica refrattaria, e ha dimostrato attività nei confronti dei linfomi non-Hodgkin, compreso il linfoma follicolare.

Ricercatori in precedenza avevano riportato i risultati di uno studio di fase II di Ofatumumab in combinazione con la chemioterapia CHOP ( Ciclofosfamide 750 mg/m2, Doxorubicina 50 mg/m2, Vincristina 1.4 mg/m2, Prednisone 100 mg al giorno per 5 giorni ) ( regime O-CHOP ) nei pazienti con linfoma follicolare non-trattati in precedenza ( Czuczman et al, Br J Haematol 2012; 157: 438 ).

Sono stati presentati i dati aggiornati di follow-up riguardo a efficacia, sicurezza e farmacocinetica di questo studio.

Cinquantanove pazienti con linfoma follicolare precedentemente non-trattato sono stati randomizzati a Ofatumumab 500 mg ( n=29 ) oppure 1000 mg ( n=30 ) il giorno 1, con CHOP il giorno 3, ogni 3 settimane per 6 cicli.

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( ORR ), valutato da un Comitato indipendente.
Endpoint secondari comprendevano la risposta completa ( CR ), la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ), la sopravvivenza generale, gli eventi avversi e la farmacocinetica.

Valutazioni di follow-up dopo la terapia sono state fatte ogni 3 mesi fino a 12 mesi, e poi ogni 6 mesi fino a terapia alternativa del linfoma follicolare o fino al mese 60.
La tomografia ad emissione di positroni ( PET ) è stata eseguita al basale e 3 mesi dopo l'ultima terapia.

Cinquantotto pazienti hanno ricevuto la terapia; 1 paziente nel gruppo 1000 mg si è ritirato prima di iniziare la terapia.

Il tasso di risposta globale è stato del 90% per il gruppo 500 mg ( n=29 ) e del 100% per il gruppo di 1000 mg ( n=29 ); il 55% dei pazienti ha raggiunto risposta completa o risposta completa non-confermata ( Cru ), compresi il 67% dei pazienti con punteggio alla scala FLIPI ( Follicular Lymphoma International Prognostic Index ) di 3-5.

Al basale, 57 pazienti sono risultati PET-positivi; 49 pazienti sono stati sottoposti, di nuovo, a scansioni PET dopo la terapia.
Quaranta pazienti su 49 ( 82% ) sono divenuti PET-negativi, tra cui 27 di 29 ( 93% ) pazienti che hanno raggiunto CR/CRu e 13 su 20 pazienti ( 65% ) che hanno raggiunto una risposta parziale ( PR ).

Con un follow-up mediano di 33.8 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione per il gruppo da 500 mg è stata di 27.6 mesi e la PFS mediana per il gruppo 1000 mg non è stata raggiunta ( P=0.46 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione per i pazienti con punteggi FLIPI di 0-1 ( n=17 ), 2 ( n=20 ) e 3-5 ( n=21 ) non è stata raggiunta ( rispettivamente, 27.6 e 27.6 mesi, ( p=0.68 ).

La sopravvivenza mediana libera da progressione per i pazienti ( n=32 ) che hanno raggiunto CR/CRu non è stata raggiunta; è stata di 28.3 mesi per i pazienti ( n=23 ) che hanno raggiunto una risposta parziale.

La sopravvivenza mediana libera da progressione per i pazienti con risposta parziale che erano PET-positivi e PET-negativi dopo terapia non è stata raggiunta.

Non sono stati riportati decessi. Assenza di effetti avversi gravi ematologici ( SAE ) è stata riscontrata nel corso del periodo di follow-up.
Durante il periodo osservazionale, eventi avversi gravi non-ematologici sono stati riportati in 1 paziente nel gruppo da 500 mg ( polmonite ) e in 5 pazienti nel gruppo 1000 mg ( ernia addominale, erisipela, sporgenza di un disco intervertebrale, lesione menisco e cancro alla vulva ); nessuno di questi effetti era correlato con Ofatumumab.

Dopo somministrazioni ripetute, i valori di clearance di Ofatumumab sono stati 6.3 e 5.9 ml/ora, e i valori di emivita erano 27.2 e 26.8 giorni, rispettivamente, nel gruppo 500 mg e nel gruppo 1000 mg.

In conclusione, il trattamento con il regime O -CHOP ha prodotto remissioni durature nei pazienti con linfoma follicolare, non-trattati in precedenza.
Non sono state osservate differenze riguardo alla farmacocinetica o alla sopravvivenza libera da progressione tra i bracci 500 mg e 1000 mg, ma lo studio non era dimensionato per rilevare tali differenze.
O- CHOP è risultato efficace nei pazienti con punteggi FLIPI ad alto rischio; i tassi di CR/CRu e di sopravvivenza libera da progressione non sono stati influenzati dal punteggio FLIPI.
Lo stato PET dopo la terapia non ha predetto la sopravvivenza libera da progressione nei pazienti responsivi, anche se lo studio era troppo piccolo per fare una tale determinazione.
Questi risultati hanno indicato che O-CHOP dovrebbe essere studiato come terapia per il linfoma follicolare con punteggi FLIPI ad alto rischio. ( Xagena_2012 )

Fonte: 54th American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2012

Emo2012 Farma2012

XagenaFarmaci_2012